Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri e di altri siti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in rete. Continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, accetterai implicitamente di ricevere cookie al nostro sito. Le impostazioni dei Cookies possono essere modificate in qualsiasi momento cliccando su "Più informazione sui Cookies”.

Audi innovative thinking

Audi

Storie

Pensando al futuro

Che cos’è l’innovazione? Lo chiediamo ai talenti di oggi. Qui risponde Beatrice Venezi, giovanissima (e bellissima) direttore d’orchestra.

11 Gennaio 2016

«Credo nel cambiamento e mi candido a esserne la testimonial»

Essere direttore d’orchestra a 25 anni sarebbe già una notizia. In più, il fatto di essere un direttore d’orchestra donna (una splendida donna), rende la cosa ancor più eccezionale.

Solo fino a pochissimi anni fa sarebbe stato impensabile: troppo giovane, troppo femmina, troppo bella per poter essere pure intelligente. «Persiste un vecchio retaggio: la figura del direttore d’orchestra è storicamente maschile. E non nego che tutt’ora ci siano molti pregiudizi. Io, però, credo nel cambiamento e mi candido a esserne la testimonial». Paladina di una nuova visione, non dimentica l’importanza delle radici: «Innovare per me significa recuperare quello spirito originale della materia che è andato perduto nel processo evolutivo, tornare al materico sottratto al pensiero speculativo così tipico dei giorni nostri, in cui l’oggetto integro torni a essere in primo piano nella sua originalità: la purezza della lingua, l’integrità della materia antica, l’arte sottratta alla teoresi. “Ritorno” non significa involuzione, bensì riappropriarsi di un’enorme ricchezza, unico vero ponte innogetico verso il futuro. La tradizione è l’unico vero motore verso l’innovazione».

Una visione del domani per nulla fantascientifica, semmai più umana: «Penso che la tecnologia debba essere mezzo e non sostanza, altrimenti rischierebbe di essere sterile. Una tecnologia a supporto dell’arte». E lei dell’arte ha fatto il suo mestiere, sapendo ben mescolare empatia e razionalità, «Aspetti entrambi importanti per il mio lavoro, come diceva il maestro Franco Ferrara all’Accademia Chigiana, a Siena, dove ho studiato, è importante dirigere con testa fredda e cuore caldo».