Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri e di altri siti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in rete. Continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, accetterai implicitamente di ricevere cookie al nostro sito. Le impostazioni dei Cookies possono essere modificate in qualsiasi momento cliccando su "Più informazione sui Cookies”.

Audi innovative thinking

Audi

Enrico Bartolini

BE Contemporary Classic - Chef

My Innovative Thinking

«Niente è più contemporaneo della classicità, vista con occhi moderni»

I contributi di Enrico

Vedi tutti

BE Contemporary Classic

Enrico Bartolini, classe 1979, nativo di Pescia (PT) e diplomato all’Istituto professionale alberghiero F. Martini di Montecatini Terme, rappresenta una realtà personale e imprenditoriale che sta crescendo molto rapidamente e sta acquisendo sempre più successo e notorietà all’interno del mondo dell’alta ristorazione.

I plus sono evidenti: osannato dai critici gastronomici come uno tra i giovani più talentuosi del nostro paese ha ottenuto a soli 29 anni la sua prima stella Michelin, la seconda a 33 anni, consacrandolo definitivamente Chef di livello internazionale.

L’intuizione, la creatività, la serietà, l’ambizione e la curiosità imprenditoriale e soprattutto la passione e l’amore per il proprio lavoro hanno portato Enrico a distinguersi nel suo percorso di formazione all’estero nelle cucine di Carlo Petrini a Parigi e Mark Page a Londra e in Italia sotto l’ala di Massimiliano Alajmo e successivamente nella gestione del ristorante Le Robinie nel Oltrepò Pavese dal 2005 al 2010.

Nel 2010 Enrico intraprende la gestione del prestigioso Devero Ristorante e Dodici24 Quick Restaurant all’interno del Devero Hotel di Cavenago Brianza a 20 minuti da Milano. Il passaggio dalle dolci colline dell’Oltrepò Pavese alla ricca e operosa Brianza è un passo importante che il giovane chef ha affrontato con serenità e con la consapevolezza di volere continuare a esprimersi sempre al meglio attraverso nuove sfide imprenditoriali e gastronomiche.

Nel febbraio 2013 è stato scelto dalla celebre Maison Krug come partner nel progetto Krug en Capitale Milano, prestigioso temporary restaurant al 27esimopiano della Diamond Tower, che l’ha lanciato sulla piazza milanese.
Nel febbraio 2014 nasce la collaborazione d’eccezione tra Enrico Bartolini e il Birrificio Angelo Poretti in occasione del lancio della nuova linea di birre premium “Selezione Angelo” presso il Circolo del Commercio di Corso Venezia a Milano.

La filosofia culinaria “Contemporary Classic” di Enrico Bartolini, secondo cui i valori del passato e del presente si fondono per dare vita a nuovi sapori originali ed equilibrati è in pieno accordo con la storica vocazione del Birrificio Angelo Poretti a esplorare nuovi orizzonti e a mettersi costantemente alla prova ed è la motivazione che ha portato l’antico Birrificio della Valganna e lo chef Enrico Bartolini a scegliersi per dare vita a un’armoniosa sinfonia di sapori.

Sempre a febbraio 2014 nasce la collaborazione con la prima classe Emirates. Per la prestigiosa linea aerea Enrico ha creato un menù in esclusiva della sua filosofia “ Contemporary Classic” che è stato lanciato sulla rotta First Class Milano Malpensa – New York.

Nel aprile 2014 la Maison Krug sceglie ancora Enrico per il road trip “Krug en Voyage” in collaborazione con la Banca Fideuram, che tocca le città di Milano, Torino, Roma, Firenze e Venezia coinvolgendo very important consumers e appassionati Krug Lovers.
Sempre ad aprile 2014, durante il Salone del Mobile, il brand di lusso Hermes ha scelto i piatti di Enrico per la presentazione della sua prima collezione di luci nell’affascinante cornice di Palazzo Serbelloni e Teatro alla Scala di Milano.

Enrico Bartolini fa parte dei Jeunes Restaurateurs d’Europe (JRE)®, del network Le Soste ®, inoltre è
consulente creativo dell’Osteria Perillà a Rocca D’Orcia (SI), per Il Salumaio di Montenapoleone
Lugano e per il Sepa ad Hong Kong.
Osannato dalla stampa italiana e dai gourmet più attenti, sta suscitando un forte interesse anche
all’estero in particolare in Cina dove ha partecipato alla manifestazione culinaria di successo Greatest Chef China Italy Edition vincendo la finale.

Insieme a Gualtiero Marchesi, Moreno Cedroni, Massimo Bottura, Davide Oldani, Cristina
Bowerman, Alfons Schuhbeck, Viviana Varese, Antonino Cannavacciuolo, Carlo Cracco, Ugo Alciati,
Cesare Battisti, Andrea Berton, Ernst Knam, Pietro Leemann è chef ambassador per EXPO 2015.