Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri e di altri siti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in rete. Continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, accetterai implicitamente di ricevere cookie al nostro sito. Le impostazioni dei Cookies possono essere modificate in qualsiasi momento cliccando su "Più informazione sui Cookies”.

Audi innovative thinking

Audi

Beatrice Venezi

Direttore d'orchestra

Innovare dagli innovatori

Innovare per me significa recuperare quello spirito originale della materia che è andato perduto nel processo evolutivo, tornare al materico sottratto al pensiero speculativo così tipico dei giorni nostri, in cui l’oggetto integro torni ad essere in primo piano nella sua originalità: la purezza della lingua,l’integrità della materia antica,l’arte sottratta alla teoresi. "Ritorno" non significa involuzione, bensì riappropriarsi di un’enorme ricchezza, unico vero ponte innogetico verso il futuro.

I contributi di Beatrice

Vedi tutti

Biografia

Direttore d'orchestra, pianista e compositrice nata nel 1990.


Diplomata in Pianoforte sotto la guida del M° Norberto Capelli, si è perfezionata con i Maestri Lucchesini, De Maria e Balzani. Nel 2005 è stata vincitrice del 1° premio assoluto del Concorso Nazionale di Interpretazione Pianistica "R.Zucchi" e nel 2006 del 4° Concorso Internazionale per Giovani Musicisti "R. Zanuccoli". Ha inoltre collaborato con importanti compagini nazionali quali l’Orchestra Regionale della Toscana e il Dèdalo Ensemble.


Allieva del M° Piero Bellugi per la Direzione d'orchestra, si è diplomata presso il Conservatorio "G. Verdi" di Milano con il massimo dei voti cum laude sotto la guida del M° Vittorio Parisi. Ha approfondito la sua tecnica direttoriale con il M° Gianluigi Gelmetti presso l'Accademia Chigiana di Siena e con i Maestri Oleg Caetani e John Axelrod, dei quali è assistente.
Ha studiato Composizione con il M° Gaetano Giani Luporini.


Si è specializzata nel repertorio contemporaneo eseguendo prime assolute di compositori italiani, sia in qualità di pianista che di direttore d'orchestra e dedicandosi alla pubblicazione di saggi di musicologia. È autrice del saggio "Gaetano Giani Luporini: La Necessità interiore dell' Arte" pubblicato sulla Rivista Codice 602 nel 2009 e coautrice con il musicologo Renzo Cresti del libro "Fare musica oggi: difficoltà e gioie" edito da Marco Del Bucchia Editore nel 2010.


Come direttore d'orchestra svolge la propria attività sia in Italia che all'estero, collaborando con orchestre nazionali ed internazionali; tra queste: l'Orchestra I Pomeriggi Musicali di Milano, l'Orchestra Filarmonica Campana, la Nuova Orchestra Scarlatti, l’Orchestra da Camera Fiorentina, l'Orchestra Sinfonica ALMA, l'Orchestra della Magna Grecia, l'Orchestra Filarmonica di Lucca, l'Orchestra della Fondazione Bulgaria Classic, l'Orchestra e il coro del Teatro Bolshoij di Minsk.


Ha collaborato con festivals importanti quali il New European Festival di Stuttgart, con cui lavora dal 2010, il Festival di Bellagio e del Lago di Como, per il quale ha diretto nel 2013, e il Festival Pontino di musica contemporanea, per il quale ha tenuto il concerto inaugurale della 50esima edizione nel luglio 2014.
Ha debuttato presso il Maggio Musicale Fiorentino con l'opera "Candide" di L. Bernstein nel maggio 2015.
Beatrice è stata recentemente insignita del prestigioso "Premio Donna 8 Marzo - La Musica per la Vita" dall' Associazione ASSAMI - Amici del Conservatorio di Milano.