Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri e di altri siti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in rete. Continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, accetterai implicitamente di ricevere cookie al nostro sito. Le impostazioni dei Cookies possono essere modificate in qualsiasi momento cliccando su "Più informazione sui Cookies”.

Audi innovative thinking

Audi

Marzia Giribaldi

Researcher

Ci sono soltanto due possibili conclusioni: se il risultato conferma le ipotesi, allora hai appena fatto una misura; se il risultato è contrario alle ipotesi, allora hai fatto una scoperta. (Enrico Fermi)

Innovare è guardare al futuro, ma questo concetto sottende un legame inscindibile col tempo in cui si vive, col presente, e con il passato, con quello che viene chiamato "Stato dell'arte". L'innovazione può scaturire dalla rilettura in chiave attuale di idee e risultati anche piuttosto datati, contando sulle nuove tecnologie. In ogni caso, per innovare si deve essere capaci di ribellarsi allo status quo, dubitare, interrogarsi... avendo ben presente che in futuro ci toccherà la stessa sorte!

I contributi di Marzia

Vedi tutti

Lo.V.Milk: un nuovo tipo di pastorizzatore per il trattamento del latte umano

In alcune particolari situazioni cliniche, quando il latte della mamma non è disponibile o non può essere somministrato, si ha la necessità di avere a disposizione latte di donatrice. Per tale motivo esistono le Banche del Latte Umano Donato, finalizzate a selezionare le donatrici, raccogliere, controllare, trattare, conservare e distribuire latte umano donato. Il latte materno donato deve necessariamente essere pastorizzato per garantirne una conservazione prolungata sicura. Questo processo causa l’inattivazione di alcuni nutrienti e di composti biologici importanti per la salute del neonato, e ne modifica altri in maniera dipendente dalla severità del trattamento termico. Il progetto Lo.V.Milk è nato dall'esigenza di promuovere ed estendere l'utilizzo del latte materno nell'alimentazione del bambino prematuro, ottimizzando i processi che possono portarne ad una migliore conservabilità, con particolare riferimento al mantenimento delle caratteristiche immunologiche e nutrizionali del latte stesso. In collaborazione con ricercatori dell’ISPA-CNR di Torino, pediatri neonatologi della Terapia Intensiva Neonatale dell’Università di Torino, e con l’azienda Giada s.a.s, che opera nel settore dell'impiantistica casearia, è stato ideato e sviluppato un prototipo di pastorizzatore che utilizza la tecnologia HTST per piccoli volumi di latte, utile quindi per l'applicazione su latte umano donato, denominato Lo.V.Milk.