Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri e di altri siti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in rete. Continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, accetterai implicitamente di ricevere cookie al nostro sito. Le impostazioni dei Cookies possono essere modificate in qualsiasi momento cliccando su "Più informazione sui Cookies”.

Audi innovative thinking

Audi

Giovanni Fiorin

Partner

My Innovative Thinking

«L'innovazione passa attraverso l'intuizione di un'opportunità, la possibilità di potersi spingere oltre con gli elementi che, in realtà, sono a disposizione di tutti. E' una predisposizione istintiva, come il coraggio per provarci ed il senso del tempo per cogliere il momento giusto. Il corretto timing e la velocità sono determinanti. Le persone coinvolte in un progetto innovativo devono condividere queste convinzioni, credere nell'idea ed essere pronti a rischiare».

I contributi di Giovanni

Vedi tutti

«Mi chiamo Giovanni Fiorin e di mestiere apro locali»

Moderno startupper della ristorazione contemporanea, Giovanni Fiorin ha una consolidata esperienza internazionale.

Fra le tappe fondamentali del suo percorso, Giovanni ama ricordare l’esperienza americana a fine anni ’90 nel settore Ristorazione della Disneyworld, con la sua Academy originale e innovativa che ha fatto poi scuola in tutto il settore dell’ospitalità prima in America e poi a livello internazionale, diventando un vero e proprio benchmark di eccellenza per l’orientamento e il training del personale.

Rientrato in Italia, ha partecipato al rilancio dello storico Caffè Pedrocchi a Padova, forse una delle prime espressioni di ristrutturazione in chiave contemporanea di un locale storico. Approdato a Milano ha curato ogni aspetto dell’apertura del Café Trussardi in Piazza della Scala.

Dopo varie altre esperienze consulenziali, nel 2012 la svolta di Pisacco: il locale di via Solferino, aperto con alcuni soci, Poi il Dry- cocktail&pizza, proprio di fronte, che Fiorin ha inaugurato solo 9 mesi dopo sempre con lo stesso gruppo affiatato di soci. Da qui è nata la definizione di Food District che identifica l’area che si sviluppa tra Solferino e Porta Nuova.
Nell’autunno 2013 è la volta di Turbigo, che Slowfood ha promosso con grande determinazione.

Giovanni crede che l’esperienza accumulata sia solo parte di un percorso continuo e progressivo ed è convinto che sia fondamentale trasferirlo ai giovani. Con questo spirito nasce il nuovo progetto Open Campus Solferino 48, per l’orientamento, la formazione, gratuita, e il recruiting di nuove risorse da inserire nel fantastico mondo della ristorazione di qualità.

Per ogni progetto l’idea è il punto di partenza, ma è nel processo di messa a punto dello stesso che si misurano le capacità di innovazione. Le problematiche strategiche che affrontiamo ci fanno progredire individuando soluzioni sempre nuove.