Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri e di altri siti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in rete. Continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, accetterai implicitamente di ricevere cookie al nostro sito. Le impostazioni dei Cookies possono essere modificate in qualsiasi momento cliccando su "Più informazione sui Cookies”.

Audi innovative thinking

Audi

Stefano Gregoretti

Ultrarunner

My Innovative Thinking

«In un mondo dove tutto scorre ed è visualizzato a velocità impressionante ed in tempo reale, la vera innovazione credo sia fare un passo indietro verso le origini. Provare a silenziare tutto per reinventarsi e rinnovarsi. La corsa mi riporta a questo. Specialmente quando corro per centinaia di km in pochi giorni, attraverso distese sconfinate, dove non posso fare altro che rapportarmi alla natura, al respiro, talvolta alla sopravvivenza, torno ad essere l’uomo che eravamo... Troppo spesso ho visto le conseguenze negative del legame tra una certa innovazione tecnologica e la natura, a discapito di quest’ultima. Ben venga invece la ricerca scientifica e tecnologica volta a migliorare la qualità della vita senza perdere di vista il nostro delicato ecosistema.»

I contributi di Stefano

Vedi tutti

Impossible To Possible Italia

Impossible to Possible (i2P) nasce in Canada circa sei anni fa grazie all’idea folgorante ma a lungo meditata del canadese RAY ZAHAB, corridore su ultradistanze e detentore di diversi record di traversata sia nei deserti di sabbia che di ghiaccio. Questa organizzazione no-profit ogni anno porta a termine, grazie al sostegno di sponsor importanti, spedizioni in giro per il mondo dove nell’arco di una settimana ragazzi assolutamente normali e senza doti particolarmente atletiche, riescono a correre e camminare (previo un minimo di allenamento guidato) in scenari naturali spettacolari e di rilevante interesse scientifico/storico.
Un paio di anni fa Ray fa la coscienza, durante una gara a tappe nel deserto dello Utah, di un ultrarunner italiano, Stefano Gregoretti, riccionese noto ai più come sportivo d’eccellenza di corse in natura e vincitore della Gobi March 2013 (270 km nel deserto del Gobi in autosufficienza) e della Yukon Artic Ultra (160 km), sempre nel 2013. Tra i due è “colpo di fulmine”, nella passione che li unisce per questo sport ed anche nella filosofia di vita che li accomuna. Ray vede in Stefano un perfetto compagno di avventura per le sue spedizioni in luoghi impervi della terra che gli permettono di portare visibilità e supporto alla missione di Impossible to Possible. Insieme a pochi altri “eletti” infatti, nell’inverno scorso portano a termine il record di traversata invernale dell’Isola di Baffin, nel Canada Artico. Tra pochi mesi invece affronteranno il deserto della Patagonia attraversandolo da ovest a est per un totale di circa 2000 km.; unsupported, come sono soliti dire, portandosi dietro tutto l’occorrente per la sopravvivenza. E con tanto di telecamere appresso perché al solito ne usciranno documentari e filmati montati da registi d’eccellenza. Matt Damon, per dirne uno, diresse e montò l’epica traversata del Sahara di Ray, quasi 7000 km in 111 giorni …
Stefano oltre ad appassionarsi e trovare nelle imprese del suo amico canadese il giusto sfogo ai suoi obiettivi sportivi e non, pochi mesi fa comincia a pensare ad una spedizione tutta italiana sul modello i2P americano. All’inizio appare tutto difficile e quasi non si trovano giovani che vogliano buttarsi in una corsa a tappe senza dubbio impegnativa. Ma giorno dopo giorno il progetto comincia a fiorire; Stefano può contare su collaboratori che assolutamente a titolo gratuito si mettono a disposizione per riuscire in questo intento. Così, la scorsa settimana, le nostre Alpi Valtellinesi sono state teatro per 5 giorni delle gioie e dei dolori di 5 ragazzi italiani, dai 21 ai 27 anni, seguiti e supportati da un team eccezionale che comprendeva anche Stefano e Ray stesso. 35 km al giorno con dislivelli notevoli per un totale di circa 200 km.. Non solo corsa però; ogni giorno i ragazzi hanno approfondito, anche grazie a guide locali, le tematiche del territorio apprendendo e toccando con mano i delicati equilibri ambientali.
La spedizione italiana si è rivelata un successo internazionale; infatti, attraverso le pagine dei social media del progetto e dei suoi protagonisti è stata seguita da migliaia di sportivi e ragazzi non solo italiani, ma anche inglesi, canadesi, statunitensi e da tanti altri paesi dall’Asia all’Africa. L’emozionante avventura diventerà un documentario e sarà trasmessa in Tv sulle reti Sky e persino su Deejay Tv.
Un inizio “alla grande” insomma. Ray Zahab entusiasta della prima esperienza i2P italiana, ci ha lasciato con questo messaggio: “Ho fatto tante spedizioni in tutto il mondo, ma non ho mai incontrato in così poco tempo persone così importanti, tutte hanno fornito al gruppo un contributo fondamentale nella loro individualità, sono state persone fantastiche. Essere giovani ambasciatori di i2P non significa essere i più veloci o i migliori, ma significa condividere le passioni, le difficoltà della propria vita con gli altri, trovando il modo per superare i limiti, rendendo ciò che ci appare impossibile, possibile ”.
La soddisfazione di Stefano invece traspare da queste parole: “Portare in Italia questo progetto e realizzarlo è stata una delle più belle vittorie della mia vita. Questa settimana trascorsa assieme ai nostri splendidi ragazzi mi ha permesso di capire quanto per i giovani siano importanti nuovi stimoli, quanto le nuove generazioni siano in grado di recepire i valori dello sport e cosa ancor più importante quanto intendano trasmetterli ai loro coetanei. Penso che questa avventura fatta di sport, amicizia e contatto con la natura e il territorio sia assolutamente da riproporre!”
Pronti allora… L’Italia ha innumerevoli posti incantevoli dove portare i nostri giovani strappandoli un po’ dalle comodità della vita e delle quattro mura. Perché tornino poi alle loro attività, a scuola, in università e dai loro amici, con un bagaglio di valori sani e positivi purtroppo tante volte assenti.