Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri e di altri siti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in rete. Continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, accetterai implicitamente di ricevere cookie al nostro sito. Le impostazioni dei Cookies possono essere modificate in qualsiasi momento cliccando su "Più informazione sui Cookies”.

Audi innovative thinking

Audi

Luigi Capello

Founder e CEO LVenture Group

Pensiero, azione.

Ho iniziato a costruire l'ecosistema quando nessuno ci credeva. Ci sono riuscito perché ho incontrato dei visionari come me. Ci siamo riusciti perché eravamo e siamo sempre più testardi. Perché ci abbiamo creduto e ci siamo ripetuti ogni giorno che l'unico modo di riuscirci era concentrarsi su quello che dovevamo fare e farlo. Punto.

I contributi di Luigi

Vedi tutti

Execution! Execution! Execution!

All'inizio di questa crisi, nel 2008, lavoravo in finanza da quasi vent'anni. Il sistema, quel sistema su cui credevo di costruire il futuro mio e della mia famiglia, si sgretolò davanti ai miei occhi in pochi mesi. Ero disorientato. Quella crisi così profonda nascondeva però una grande opportunità: cambiare il sistema e invertire la rotta. L'unico modo per farlo era trovare un'idea nuova. Il problema era che non avevo proprio idea di dove andarla a cercare.

Quasi subito mi sono resto conto che l'unico posto in cui avrei potuto trovarla erano gli Stati Uniti. Così sono partito: destinazione Silicon Valley. Dove nascono nuove idee ogni giorno. Dove ogni giorno innovatori di tutte le età si battono per trasformare quelle idee in startup. E ci riescono. Dovevo assolutamente capire come fanno!

Ho scoperto che è l'ecosistema a nutrire quelle idee, a trasformarle in startup e quindi farle crescere. Mi sono convinto che replicando quella formula sarei stato in grado di creare innovazione anche in Italia. Così, tornato a casa, ho fondato Italian Angels for Growth insieme ad alcuni business angel e imprenditori illuminati e abbiamo iniziato a investire in startup. Quello era il primo passo da compiere. Poi ho avuto la fortuna di incontrare altri visionari che credevano nell'idea dell'ecosistema. Così è nata EnLabs, il nostro acceleratore di startup.

Quello è stato il secondo passo. Eravamo pronti per cominciare a correre. Perché se volevamo andare da qualche parte, c'era da correre. E parecchio. In pochi anni abbiamo aggregato un fondo di Venture Capital, LVenture Group, un'università, la LUISS, e poi istituzioni, banche e grandi imprese. Ci siamo riusciti perché eravamo e siamo sempre più testardi. Perché ci abbiamo creduto e ci siamo ripetuti ogni giorno che l'unico modo di riuscirci era concentrarsi su quello che dovevamo fare e farlo. Punto.