Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri e di altri siti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in rete. Continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, accetterai implicitamente di ricevere cookie al nostro sito. Le impostazioni dei Cookies possono essere modificate in qualsiasi momento cliccando su "Più informazione sui Cookies”.

Audi innovative thinking

Audi

Daniele Lago

CEO & Head of Design - LAGO

Innovare con il design

“Nella mia visione, il design può e deve essere uno strumento di innovazione e trasformazione sociale che pervade e migliora tutti i luoghi e gli spazi in cui si si svolge la vita dell’uomo. Non è più il tempo dei designer star, ma di una progettazione che metta sempre l’essere umano al centro, con le sue necessità, il suo bisogno di esperire, di contaminare saperi e di esserne contaminato. In un buon progetto devono convivere cervello, cuore e coraggio. Per questo, il mio sforzo costante è quello di produrre senso e di dar vita, con i nostri prodotti, ad alfabeti con i quali le persone possano comporre parole e frasi, combinandoli insieme, dentro e fuori l’ambiente domestico. Credo che la vera innovazione sia quella che rende la vita di tutti migliore, indipendentemente dal settore in cui viene applicata”.

I contributi di Daniele

Vedi tutti

Biografia Daniele Lago

Daniele Lago, 1972, è Chief Executive Officer e Head of Design di LAGO. Ultimo di dieci fratelli, Daniele, dopo una carriera pallavolistica, all’inizio degli anni 2000 inizia l’inserimento in azienda sentendo la necessità immediata di generare significati, non fermandosi alla semplice produzione di pezzi di arredamento.
Daniele ha creduto da subito nella “centralità della persona” e nella “cultura” come assett strategici di sviluppo dell’azienda di famiglia, trasformando la gestione esclusivamente famigliare in gestione con forte orientamento al merito, all’equità, all’apertura e alla contaminazione manageriale.
Questa ricetta semplice ed innovativa ha permesso di trasformare la piccola LAGO artigiana in un’azienda che oggi conta quasi 200 dipendenti e un fatturato che sfiora i 30 milioni di euro, una realtà internazionale che è punto di riferimento nel mondo del design.
Come Head of Design, Daniele ha individuato una nuova visione del design, il cui baricentro passa dal designer al fruitore, sviluppando in Lago non più prodotti definiti, ma prodotti disposti al dialogo, che funzionano come alfabeti o ingredienti. Daniele ha la convinzione che tutti possono e devono sviluppare il loro potenziale creativo ed è per questo che i prodotti da lui disegnati sono delle matrici in cui il consumatore e l’interior designer possono metterci del loro per farselo proprio. Sospensione, modularità, colore, contrasto e mimesi sono i codici genetici dei prodotti da lui disegnati.