Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri e di altri siti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in rete. Continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, accetterai implicitamente di ricevere cookie al nostro sito. Le impostazioni dei Cookies possono essere modificate in qualsiasi momento cliccando su "Più informazione sui Cookies”.

Audi innovative thinking

Audi

Sandro Gonnella

Creative Director e Founder Ozona

My Innovative Thinking: "10091976"

Innovazione; è l'avventura dell'uomo, è la mano del neonato che tocca una foglia per la prima volta, è la scoperta della ruota, è quello che tutti ritengono antico, mentre tu l'hai guardato da un altro punto di vista e l'hai già scoperto nuovo. Innovatori sono quelli che tutti chiamano "pazzi", loro indossano occhiali speciali che gli permettono di vedere l'invisibile. Ho scoperto di essere innovatore quando mi sono reso conto che se tutti mi dicevano che era impossibile avevo fatto centro.

I contributi di Sandro

Vedi tutti

A TUTTO TONDO - Sandro Gonnella L'irrequietezza porta al cerchio

di Paola Ferrario
P.O. Professional Optometry, Italia

Sandro Gonnella è riconosciuto come il “sarto degli occhiali”. Scopriamo perché.

L’universo mutante di Sandro Gonnella, ideatore e designer del brand Ozona, si esprime attraverso la rielaborazione dei codici del cerchio, figura geometrica perfetta e completa. Una creatività nata dal bisogno irrefrenabile di esprimersi senza costrizioni o restrizioni, che è sfociata in tre linee in cui il design incontra il concetto di tailor made.

Sandro qual è il suo background nel mondo dell’occhiale?
Dopo il diploma all’Istituto Europeo di Design di Milano, sono stato selezionato tra i migliori studenti del corso di Industrial Design per entrare nel team creativo di Marcolin. Qui ho avuto la possibilità di realizzare progetti per grandi marchi grazie ai quali ho fatto la mia prima esperienza nel mondo dell’occhialeria.

Come è nato il marchio Ozona?
Dopo il mio ritorno in Umbria, ho disegnato una linea di occhiali da vista per donna su commissione per un’azienda del Centro Italia, che ha poi presentato in occasione di
Mido 2004. La collezione ebbe un ottimo successo e fu un’ulteriore conferma che il mio design piaceva! Come ogni designer, sono stato sempre molto irrequieto e non amavo essere condizionato dai direttori creativi delle aziende per le quali avevo lavorato e sottomettermi alle regole del mercato ed ai trend. Fu allora che decisi che il mercato aveva bisogno di maggiore originalità e personalizzazione. Nei primi mesi del 2005 iniziai a mettere le basi per un nuovo modo di creare occhiali. È così che è nata Ozona ed il concept con cui amo definermi “sarto degli occhiali”.

Qual è il significato del suo nome?
Il nome del marchio è Ozona, la zona O, il luogo intorno al quale tutto ruota. Non a caso il mio laboratorio a Perugia si affaccia su una piazza di fronte ad uno dei più belli e nobili palazzi della città e sopra un antico pozzo.

Quali sono i segni distintivi del suo brand?
L’occhiale è espressione della personalità di chi lo indossa ed incarna l’umanità ed il lusso di un oggetto realizzato a mano. L’elemento identificativo, invece di un logo, è una sfera di corallo, simbolo di tranquillità ed equilibrio che ne sottolinea l’individualità.

Quante linee producete?
Creiamo tre linee: gli occhiali sartoriali - qui l’idea del cliente si trasforma in un occhiale unico. La realizzazione comporta una stretta collaborazione tra il “sarto degli
occhiali” ed il cliente e rappresentano il più alto livello di personalizzazione ed esclusività; i pezzi unici - in cui dominano esclusività e design unico, e le collezioni in
edizioni limitate.

Cosa significa per lei realizzare occhiali tailor made?
È il ritorno alla valorizzazione di un accessorio così importante da essere a volte indispensabile, ma sopratutto è l’accessorio per eccellenza che fa risaltare
la personalità di chi lo indossa. Ed è proprio per questo che deve essere fatto su misura, sartorialmente. Ogni individuo ha la sua personalità, così ogni occhiale dovrebbe
esserne specchio e seguire le esigenze di chi lo indossa. Troppe volte le persone sono costrette a piegarsi alle mode, alle forme e alle misure del momento, invece Ozona
realizza i sogni ed esigenze di ogni cliente. È una grande soddisfazione poter osservare la felicità negli occhi dei miei clienti che, dopo aver cercato per tanti anni l’occhiale adatto,
finalmente sentono propria la montatura creata solo per loro.

Dove possiamo trovarli?
Prima di tutto nel mio laboratorio nel centro storico di Perugia dove incontro i clienti per conoscere meglio la loro personalità e le loro esigenze e così iniziare a definire il progetto insieme a loro. In altri casi, vengo invitato dal mio cliente nella propria
città, ovunque nel mondo. Per quanto riguarda le collezioni limitate collaboro con diverse boutique selezionate.

Ci descriverebbe il rapporto dei suoi occhiali con i Social Media?
Uso molto i Social Media che accorciano eccezionalmente le distanze, grazie ai quali aggiorno costantemente i miei clienti da New York a Tokyo. Come nel mio laboratorio posso
rapportarmi con i clienti e capire le loro esigenze, allo stesso modo i Social Media mi aiutano a rafforzare questo rapporto. Attualmente sto usando i Social Media anche per avvicinare gli interessati al mondo dell’occhialeria sartoriale. Grazie alla nuova piattaforma digitale di Samsung Maestros Academy sono online sei video-lezioni nelle quali spiego
tutti i passaggi per la creazione di un occhiale sartoriale (www.maestrosacademy.it/Sandro-Gonnella).

di Paola Ferrario
P.O. Professional Optometry, Italia

Disponibile su P.O. Professional Optometry