Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri e di altri siti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in rete. Continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, accetterai implicitamente di ricevere cookie al nostro sito. Le impostazioni dei Cookies possono essere modificate in qualsiasi momento cliccando su "Più informazione sui Cookies”.

Audi innovative thinking

Audi

Nicolangelo Gelormini

Regista

My Innovative Thinking

«Innovare per me vuol dire ritornare accuratamente ai principi naturali che governano il mondo: il nuovo esiste già, non va inventato. Al Cinema, si nasconde nella luce, nello spazio e nelle emozioni.»

I contributi di Nicolangelo

Vedi tutti

Biografia

Diploma in Regia al Centro Sperimentale di Cinematografia e Laurea in Architettura con un film sullo Spasimo di Palermo.

Intraprende la strada del Cinema come assistente di Paolo Sorrentino. La sua prima regia è il videoclipVivi Davvero, per la cantante Giorgia, con cui si aggiudica una nomination agli Italian Grammy Award. Collabora con Giorgia anche per il DVD Ladra Di Vento a cui seguono i videoclip per la band belga dei Superlux. Nel 2007 affianca gli artisti Ariel Soulè e Simon Toparovsky per il progetto Qui del Dicibile, presentato al Getty Museum di Los Angeles e nel 2008 viene premiato per gli spot realizzati a difesa del Diritto d’Autore, con protagonisti Tiziano Ferro, Elisa ed i Negramaro. Lo stesso anno vince la Serata d’Onore di Pippo Baudo con il cortometraggio Caro Benzina, interpretato da Milena Vukotic e Nicola Nocella. Nel 2009 racconta il Natale a Napoli con il docureality Favorite! e viene premiato dal Rotary di Milano per il documentario La Casa del Fascio, un'incursione sull'opera di Giuseppe Terragni, che si aggiudica anche il Premio MediArch assegnato dall'Ordine Nazionale degli Architetti.

Sintetizza la sua natura di regista/architetto realizzando i documentari sulla Casa Planchart di Giò Ponti a Caracas e sulle abitazioni progettate da Leonardo Ricci per Thomas Mann e Pierre Balmain. Dopo una breve parentesi nel mondo dell'animazione (dirige il cartoon Artigiana, proiettato al Museo del Cinema di Torino), nel 2010 partecipa, con l'episodio My Madre, al film collettivo Napoli24, diretto, tra gli altri, da Paolo Sorrentino e prodotto da Nicola Giuliano, Angelo Curti e Giorgio Magliulo, distribuito dall'Istituto Luce: una panoramica su Napoli, attraverso 24 sguardi d'autore, con cui partecipa al Torino Film Festival. Contestualmente realizza Napoli-Espana, un documentario-evento sull'omonima Mostra curata da Demetrio Paparoni, con la partecipazione di Sinead O'Connor, e dirige Reset, cortometraggio interpretato da Giovanni Ludeno e Carlo Cerciello, presentato al Lincoln Center di New York e vincitore in più di venti Festival tra cui il Raindance Film Festival (London UK), il Genova Film Festival, il Corto Dorico e il Linea d’Ombra. Inizia a lavorare come docente esterno allo IED di Milano ed al Centro Sperimentale di Cinematografia, nelle sedi di Milano, Palermo e L’Aquila e, nel 2012, ritorna come giurato al Raindance Film Festival.

ll PAN - il Palazzo delle Arti di Napoli - gli dedica un ciclo di proiezioni, in vista della sua collaborazione con il Maestro Luca Ronconi per il quale firma gli interventi filmici del Santa Giovanna dei Macelli di Bertold Brecht, con Maria Paiato, in scena al Piccolo di Milano ed allo State Academic Maly di Mosca. Nel 2013, durante i giorni della Vernice, alla 55° Biennale di Venezia, presenta il breve film Contempo, uno viaggio nel contemporaneo in Italia, che lo porterà a realizzare un ciclo di spot per le Notti italiane dei Musei promosse dal Mibac. Nel 2014 realizza il documentario Irpinia Che Guarda il Mare, un'immersione nella terra del lupi con protagonisti Andres Neumann, storico produttore di Pina Bausch, e gli artisti Luigi Mainolfi, Umberto Manzo, Eugenio Giliberti, Perino e Vele, Lucio e Peppe Perone.

Collabora con il Festival wagneriano di Ravello, realizzando lo Spot ufficiale dell'edizione 2014 e ritorna al videoclip, girando per il grandissimo David Lynch il video musicale di All the Things, canzone scritta dallo stesso Lynch ed interpretata dalla sua musa Chrysta Bell.