Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri e di altri siti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in rete. Continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, accetterai implicitamente di ricevere cookie al nostro sito. Le impostazioni dei Cookies possono essere modificate in qualsiasi momento cliccando su "Più informazione sui Cookies”.

Audi innovative thinking

Audi

Innovation from world

Posture innovative

Un esoscheletro in fibra di carbonio, la sedia "senza sedia" permette ai lavoratori nelle fabbriche di lavorare meglio senza danneggiare salute e postura.

12 Febbraio 2016

La sedia “senza sedia” garantisce una postura migliore del lavoratore e allo stesso tempo riduce lo stress sulle gambe

Tecnologia e innovazione non sono solo a bordo delle vetture Audi, ma anche durante la fase di assemblaggio e costruzione. Così Audi mette al primo posto la tutela della salute dei propri collaboratori. Per questa ragione, presso lo stabilimento di Neckarsulm in Germania, l’azienda sta testando una nuova tecnologia che semplifica molte attività in fase di assemblaggio: viene chiamata “chairless”, cioè la sedia “senza sedia”, che garantisce una postura migliore del lavoratore e allo stesso tempo riduce lo stress sulle gambe.


Sostanzialmente la sedia “chiarless” è un esoscheletro che viene indossato sul retro delle gambe ed è fissato con delle cinture sui fianchi, sulle ginocchia e sulle anche. Due superfici coperte in pelle supportano i glutei e le cosce, mentre due montanti in fibra di carbonio rinforzata in plastica si adattano ai contorni della gamba. Questi sono uniti dietro le ginocchia e possono essere regolati idraulicamente a seconda delle necessità dell'utilizzatore e della posizione desiderata. Il peso corporeo viene così trasferito al pavimento attraverso questi elementi regolabili. La sedia “chairless” in sé pesa solo 2,4 chilogrammi.

«Audi sta giocando da molto tempo un ruolo fondamentale nel campo dell’ergonomica»

«Audi sta giocando da molto tempo un ruolo fondamentale nel campo dell’ergonomica » – dichiara il Prof. Dr. Hubert Waltl, membro del management per la produzione. «La sedia “chiarless” è uno dei tanti processi che abbiamo implementato all’interno delle nostre linee di produzione negli ultimi anni. Ci aiuta a migliorare il benessere dei collaboratori e a proteggere la loro salute nel tempo. Allo stesso tempo, una postazione di lavoro ottimizzata a livello ergonomico migliora la produttività del collaboratore e aumenta anche la qualità del lavoro stesso».


L’investimento innovativo in questo campo è fondamentale per tutto, «perché la tecnologia che permette di alleviare lo stress delle persone è un esempio di come il futuro deve essere modellato per perseguire il bene dei propri collaboratori», ha spiegato Peter Mosch, a capo del General Works Council di Audi. Un altro tassello nella trasformazione dei luoghi di lavoro del futuro.