Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri e di altri siti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in rete. Continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, accetterai implicitamente di ricevere cookie al nostro sito. Le impostazioni dei Cookies possono essere modificate in qualsiasi momento cliccando su "Più informazione sui Cookies”.

Audi innovative thinking

Audi

Innovation from world

Il futuro della guida autonoma

In tre tappe scopriamo come si evolverà il modo di condurre le auto e come questo modificherà alcune abitudini quotidiane nostre e della società

17 Settembre 2015

La crescita delle automobili a guida autonoma potrebbe quindi avere anche un profondo impatto sulla società, cambiando il nostro modo di vivere

“La guida autonoma cambierà l’industria automobilistica e le nostre città per sempre”. Questa, in sintesi, la tesi emersa da un recente studio McKinsey che cerca di disegnare proiezioni sul futuro del pianeta nei prossimi dieci anni e di illustrare approfonditamente la rivoluzione tecnologica ormai alle porte. Il potenziale di questa visione è dirompente se pensiamo che, a oggi, oltre 1,2 miliardi di persone passano almeno cinquanta minuti al giorno al volante.

Nonostante alcuni aspetti normativi e legali piuttosto vincolanti – l’uso su strada delle automobili autonomous drive non è ancora consentito in Europa ed è solo possibile per ora in alcuni Stati americani a scopo di sperimentazione – il ruolo della guida autonoma sarà quindi sempre più importante. Per approfondire l’argomento, McKinsey ha intervistato oltre trenta esperti da tutto il mondo, tratteggiando un possibile percorso di sviluppo che può essere suddiviso in tre tappe fondamentali.




Prima tappa: le auto a guida completamente autonoma non ancora disponibili sul mercato

Le auto a guida autonoma sono in fase di testing e sperimentazione e verranno rese disponibili sul mercato probabilmente tra poco più di un paio d’anni. A confermare questa tendenza, già da oggi alcuni modelli della gamma Audi, per esempio le nuove Q7 e A4, possono disporre di dotazioni che anticipano alcune funzionalità e spianano il percorso verso la guida autonoma: parliamo del “traffic jam assistant” che riconosce le altre automobili sulla strada, i pedoni e gli ostacoli e adatta automaticamente la velocità del veicolo alla situazione, o il “predictive efficency assistant”, che usa i dati raccolti durante il tragitto per permettere all’auto di rallentare quando serve e ridurre drasticamente il consumo di carburante. Restando all’interno dell’universo Audi, il laboratorio viaggiante RS 7 piloted driving concept è oramai una celebre auto autonoma che ha dato prova su strada, nel caotico traffico di Shanghai, ma anche su pista alle alte velocià delle sue capacità.
Nel frattempo, la tecnologia di guida autonoma sta diventando fondamentale per l’industria, soprattutto pesante, come nelle miniere e nella coltivazione. In questi casi, la guida autonoma permetterà di tagliare i costi della manodopera e le emissioni di diossido di carbonio.



Seconda tappa: i primi prototipi di auto a guida autonoma per il pubblico

In quel momento, cambieranno molti scenari nella gestione quotidiana dell’automobile, soprattutto legati a servizi collegati come le assicurazioni, che si focalizzeranno non più sul guidatore – incolpevole di eventuali sinistri – ma piuttosto sui produttori di automobili e su possibili problemi tecnici, trasformando completamente il business assicurativo. Anche le aziende esterne che producono componenti originali (OEM - Original Equipment Manufacturer) si modificheranno profondamente, visto che i guidatori preferiranno affidarsi a loro, piuttosto che ai servizi indipendenti, molto meno qualificati per le nuove tecnologie.



Terza tappa: auto a guida autonoma per tutti

I guidatori avranno più tempo libero durante i loro viaggi quotidiani per rilassarsi, lavorare e connettersi, portando anche un possibile aumento del mercato digital globale di 5 miliardi di dollari all’anno per ogni minuto libero guadagnato. Inoltre le aree destinate ai parcheggi diminuiranno, solo negli USA, di quasi sei miliardi di metri quadrati, visto che le auto a guida autonoma, non dovendo prevedere uno spazio per l’apertura delle portiere e l’uscita dei passeggeri, occuperanno parcheggi più piccoli del 15 percento. Anche il numero di incidenti diminuirà drasticamente, un aspetto che porterà vantaggi anche a tutto il sistema ospedaliero. Infine, la diffusione di queste tecnologie accelererà lo sviluppo di nuove applicazioni legate alla robotica, migliorando la qualità della nostra vita e arrivando, in un lasso di tempo ragionevole, anche alla creazione di robot umanoidi.

Oltre a trasformare l’industria dei trasporti attraverso le tre tappe illustrate in precedenza, la crescita delle automobili a guida autonoma potrebbe quindi avere anche un profondo impatto sulla società, cambiando il nostro modo di vivere e di rapportarci agli oggetti e alle nuove tecnologie, aprendoci a un nuovo mondo con infinite possibilità.