Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri e di altri siti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in rete. Continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, accetterai implicitamente di ricevere cookie al nostro sito. Le impostazioni dei Cookies possono essere modificate in qualsiasi momento cliccando su "Più informazione sui Cookies”.

Audi innovative thinking

Audi

Innovation from world

Luce laser per illuminare il buio

Anche quest'anno Audi sta testando su pista una delle sue tecnologie: l'innovativa illuminazione laser debutta sull’auto da corsa R18 e-tron quattro LMP1.

10 Giugno 2015

È la corsa più dura del mondo. Una delle più grandi sfide del motorsport. Durante la 24 Ore di Le Mans, sia il pilota che la tecnologia sono messi a dura prova in condizioni estreme.

"Una buona visuale notturna è essenziale"

Un giorno e una notte: durante la 24 Ore di Le Mans, non sono i soli piloti a dover dimostrare le proprie capacità di resistenza, ma anche la tecnologia. Ogni giro è lungo 13,629 km. In particolare di notte, è di vitale importanza un’ottimale illuminazione della strada. Chris Reinke, Responsabile LMP di Audi Sport, spiega: "Una buona visuale notturna è essenziale. A Le Mans, i proiettori Matrix LED hanno già fornito ai nostri piloti un vantaggio importante. Ma esso aumenterà ulteriormente quando saranno combinati con le luci laser, che permetteranno di illuminare in modo migliore la pista. Questa tecnologia ha un grande potenziale per il futuro".

I diodi laser emettono una luce monocromatica e uniforme, con una lunghezza d'onda di 450 nm. Marcel Fässler, due volte vincitore di Le Mans, è entusiasta: "Non direi che è stato un passo avanti, ma tre passi avanti. La luce laser è più luminosa, più omogenea e allo stesso tempo più precisa." Per questo completa in modo ideale i proiettori anteriori LED, che offrono una funzione di assistenza alla svolta e forniscono un'illuminazione ottimale all'apice di una curva.

Con un diametro di soli 0,3 millimetri, i diodi laser si avvicinano molto all'ideale di una sorgente luminosa potente e puntiforme. La combinazione tra gli abbaglianti laser e la tecnologia Matrix LED migliora la visibilità e, di conseguenza, gli standard di sicurezza. La strada viene illuminata in modo più omogeneo. L’ampiezza dei proiettori anabbaglianti, tuttavia, può essere raggiunta in modo più efficiente grazie agli attuali LED ad alte prestazioni.

Audi ha presentato per la prima volta gli abbaglianti laser al Consumer Electronics Show (CES) 2014 di Las Vegas sulla concept car Audi Sport quattro laserlight. Ed ora sta per affrontare una prova di resistenza a Le Mans. "La luce laser aprirà nuove possibilità per i modelli di futura produzione. Ancora una volta, grazie al motorsport, Audi sta completando un nuovo sviluppo tecnologico che porterà numerosi vantaggi ai nostri clienti", afferma il Dr. Ulrich Hackenberg, Membro del Consiglio di Amministrazione per lo Sviluppo Tecnico in AUDI AG.