Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri e di altri siti) al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in rete. Continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, accetterai implicitamente di ricevere cookie al nostro sito. Le impostazioni dei Cookies possono essere modificate in qualsiasi momento cliccando su "Più informazione sui Cookies”.

Audi innovative thinking

Audi

Eventi

Audi Urban Future Award 2014: premiato il Messico

Alla fine abbiamo deciso di scegliere Città del Messico, perché il progetto è già in fase di realizzazione, e fornisce soluzioni concrete e praticabili per i più urgenti problemi di mobilità nelle megalopoli dei paesi emergenti.

Berlino - 21 Novembre 2014

I trend di urbanizzazione e digitalizzazione cambieranno radicalmente la mobilità nelle grandi città

Il team vincitore della terza edizione dell’Audi Urban Future Award è quello di Città del Messico: il premio di 100.000 €, il più elevato a livello mondiale nel campo delle soluzioni di mobilità innovative, è stato assegnato al gruppo di lavoro guidato dal famoso architetto e urbanista Jose Castillo.

Quattro squadre interdisciplinari provenienti da Berlino, Boston, Città del Messico e Seoul hanno presentato le proprie idee innovative dedicate alla mobilità del futuro all’Audi Urban Future Award. Ma è stato il progetto messicano a convincere la giuria internazionale grazie al suo "sistema operativo per la mobilità urbana", una piattaforma grazie alla quale le città possono progettare e pianificare la rete di trasporti pubblici in base alle esigenze delle infrastrutture, mentre i conducenti adattano i propri comportamenti in modo flessibile. "I trend di urbanizzazione e digitalizzazione cambieranno radicalmente la mobilità nelle grandi città", ha spiegato Rupert Stadler, CEO di Audi AG, in occasione della presentazione degli Award a Berlino.

Una giuria composta da 9 persone, provenienti da differenti discipline e presieduta dal Prof. John Urry dell’Università di Lancaster, ha valutato le proposte formulate dai diversi team in base a criteri quali la capacità innovativa, la fattibilità, la sostenibilità e la trasferibilità del progetto ad altre città. "Le idee dei team sono molto diverse, così come sono diverse le città da cui provengono. Ogni proposta, però, adotta un approccio entusiasmante”, ha dichiarato Urry. "Alla fine abbiamo deciso di scegliere Città del Messico, perché il progetto è già in fase di realizzazione, e fornisce soluzioni concrete e praticabili per i più urgenti problemi di mobilità nelle megalopoli dei paesi emergenti."

L’architetto e urbanista di fama internazionale Jose Castillo e il suo team messicano sono convinti che l'automobile possa risolvere i problemi da essa stessa causati, fornendo, ad esempio, i dati per pianificare al meglio la gestione del traffico cittadino. Secondo gli studi condotti dall’IBM, Città del Messico è la "città oggetto di pendolarismo più dolorosa al mondo". La risposta di Castillo, in collaborazione con l'esperto IT Carlos Gershenson e con la responsabile del laboratorio d’innovazione Gabriella Gomez-Mont, è stata lo sviluppo di un "sistema operativo per la mobilità urbana".

Il team ha promosso l’acquisizione di dati provenienti direttamente dai pendolari, testando contemporaneamente nuove forme di cooperazione tra imprese, aziende di trasporto ed istituzioni comunali. Una prima versione della nuova piattaforma è online dal mese di settembre. I pendolari possono condividere tramite app o sito i dati relativi ai propri movimenti, creando quindi un database affidabile per migliorare gradualmente la pianificazione urbana e la sostenibilità dei trasporti. Non appena sono rese disponibili le previsioni basate sui dati ricevuti in tempo reale, le persone possono adattare il loro comportamento ed influenzare il traffico: possono, ad esempio, partire più tardi o scegliere il mezzo di trasporto più adatto a condurli a destinazione nel minor tempo possibile.

Audi sta già sviluppando tecnologie dedicate alla città, in grado di donare tempo e qualità della vita ai loro abitanti. Consideriamo, ad esempio, la possibilità di ospitare più del doppio delle vetture negli stessi posti auto grazie alla tecnologia di parcheggio pilotato. Oppure i sistemi di assistenza che ottimizzano il flusso del traffico, evitando brusche frenate, supportando il conducente nei cambi di corsia o calcolando la velocità ideale per superare col verde il semaforo successivo. Già oggi, tecnologie come la comunicazione auto/x o auto/auto possono contribuire ad un utilizzo più efficiente della capacità stradale.

Le intuizioni del terzo Audi Urban Future Award confluiranno direttamente nella nuova "Agenda Urbana" stilata da Audi. Con lo scopo di realizzare soluzioni di mobilità sostenibile, infatti, Audi sta promuovendo la costruzione di partnership di sviluppo con numerose città.